Come rianimare un castello

Babbo Natale ha portato ai miei bambini un bellissimo castello in legno da montare. Nella sua semplicità incuriosisce molto perchè nel gioco degli incastri si sono creati diversi piccoli ambienti. Li ho incoraggiati a prendere i loro libri e trovare una funzione ad ogni locale (argomento che il grande sta svolgendo a scuola in geografia: nome e funzione degli ambienti). Con l’aiuto di vecchi pezzi di giocattoli e sorpresine delle uova di Pasqua, nel nostro castello adesso c’è una cucina, un scuderia, una torre di avvistamento con mago Merlino lì pronto a dire la sua, il cerusico con gli occhiali sulla punta del naso, qualche catapulta e i Saraceni dietro le mura pronti all’accato. La Befana, guardando nella nostra sala per vedere se c’erano calze da riempire, ha visto questo bel castello, le spade in legno dei miei due cavalieri, le prove di disegno di uno stemma araldico e ha lasciato un biglietto chiedendo l’aiuto dei miei bambini per un castello lontano dove ormai non vive più nessuno da anni e anche il guardino è partito per andare da sua sorella che ha un ristorante a New York. Non c’è più nessuno che si possa occupare degli animali! Per fortuna i miei bambini hanno accettato l’invito e questa notte hanno lasciato appeso a una finestra un disegno con un sole che sorride, così come gli aveva chiesto la Befana: era un messaggio in codice, lei doveva ripassare in volo dalle nostre parti questa notte e se lo avesse visto avrebbe capito che erano pronti ad aiutare il castello.

Mentre aspettiamo che la Befana scriva qualche lettera, secondo voi cosa potrà servire a questo castello? Uno stemma nuovo? Un cavaliere con i controfiocchi? Un menu per la cucina? Un amuleto o una pozione magica? Nel caso avete qualche lavoretto (con tutorial bello chiaro) da farci vedere così siamo pronti per ogni evenienza?

Voi conoscete un castello con almeno due torri dove possano vivere due fratelli? non necessariamente in Italia.

Annunci

9 pensieri su “Come rianimare un castello

  1. Caffenero Autore articolo

    Catia, cosa mi hai fatto tornare in mente!! Quando ero incinta e non potevo mangiare salumi mi ricordo che sognavo sul depliant dei castelli del ducato perchè c’era un calendario di banchetti meraviglioso.
    Adesso ne cerco uno, grazie ciao

  2. Catia

    Dimenticavo!
    Tutorial non ne ho, però vedo che Matilde (che adora i castelli che ha costruito di tutte le forme e di tutti i materiali) non fa mai mancare un drago buono che protegge il castello……

  3. Pingback: Amuleto magico? Fossile? « La scuola in soffitta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...