La “Economia felice” spiegata e realizzata con i bambini

decrescitaPerché spiegare l’economia ai bambini? Per gestire la paghetta? Non solo. Per vederli indipendenti appena finita la scuola? Non solo. Seppur piccoli, l’economia fa già parte della loro vita, vengono anche rimproverati quando agiscono in contrasto con i suoi principi, quindi è giusto che abbiamo l’opportunità di capire esattamente di cosa si tratta quando si parla di economia, che non vuol dire solo “risparmio”.
Economia felice – Educare i bambini a uno stile di vita consapevole” di Carlo Carzan e Sonia Scalco – edizioni la meridiana

La prima osservazione degli autori è proprio sull’ambito, anche emotivo, in cui si inserisce la parola “economia”: crisi, disoccupazione, povertà, sprechi. Tutte parole tristi che vorremmo sottrarre dal mondo di favola dei bambini. Parlare di economia non vuol dire affrontare solo argomenti tristi, anzi.

Se invece pensiamo che la definizione del dizionario della parola “economia” è “scelte compiute sulle risorse limitate a disposizione”, si apre una visione diversa dell’argomento e dell’utilità per i bambini. Avvicinarsi all’economia diventa una palestra mentale, imparare una forma di ragionamento che è fatta di logica, creatività e matematica.

Lo psicologo Daniel Goleman, autore delle ricerche sull’intelligenza emotiva, ha definito “intelligenza ecologica” la capacità di riconoscere le innumerevoli connessioni che ci legano all’ambiente, riuscendo a individuare le implicazioni delle proprie scelte sull’ambiente in cui si vive. Questo nuova prospettiva ha stimolato la ricerca di nuove forme di apprendimento dedicate ai bambini, a cui il libro “Economia felice” a mio parere contribuisce abilmente fornendo strumenti pratici, vere proposte di attività con i bambini.

Il percorso proposto in “Economia felice” esplora il rapporto con il denaro, con le risorse ambientali, con la società in cui viviamo e con noi stessi, per le emozioni che alcune questioni economiche ci possono suscitare.

Si parte da un gioco, se ne parla, alla fine si riporta la riflessione e l’esempio nella reltà. Con questo metodo i bambini imparano cosa sia l’autoproduzione, quale sia il rapporto tra valore e prezzo, come si riducono gli sprechi ecc.

Un testo che consiglio soprattutto ai genitori perché le buone pratiche vanno vissute nel quotidiano come stile familiare.

Link utili:

4 pensieri su “La “Economia felice” spiegata e realizzata con i bambini

  1. Paola

    I libri delle “edizioni meridiane”, in genere sono sempre fantastici. Grazie per questa segnalazione.
    Paola

  2. Daniela Autore articolo

    Ciao, Angela! argomento attuale anche da noi. I miei bambini hanno ricevuto delle mance per Natale ma un semplice gesto molto generoso a volte mette in crisi perchè gli devi spiegare che non si usano tutte in una volta, ad esempio!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...