Il giardino delle pesche e delle rose

giardino_delle_pesche_e_delle_roseIn questio giorni continua a piovere. In fondo, a me la pioggia piace. Ho l’impressione che mi calmi, con i suoi suoni, i suoi profumi, i ritmi che mi obbliga a rallentare stando in casa. Penso che molte persone si sentano in sintonia con alcuni eventi naturali. Non che ci sia tanta scelta, ma c’è chi adora la neve, chi il vento. Come Vianne, la protagonista di Chocolat che ritorna ne “Il giardino delle pesche e delle rose” di Joanne Harris.

Ho stranamente tanto tempo per leggere. Sono a casa con il mio piccolino che ha preso la varicella. Stiamo accoccolati sul divano, mente lui guarda il suo cartone consolatorio e io leggo. L’estate scorsa vedevo questo libro in mano a tutti. La pubblicità è l’anima del commercio e sono arrivata a leggerlo anch’io.

E’ il seguito di Chocolat. Vianne si è trasferita a Parigi. Riceve una lettera scritta dalla sua amica Armande prima di morire, in cui le chiede di tornare al paese sul fiume perchè qualcuno ha bisogno di lei. Rispetta il desiderio di un’amica e parte. Al suo arrivo trova le stesse ostilità di un tempo, ma non sono rivolte a lei, bensì a quella che potrebbe sembrare il suo alter ego: Inés, una donna sola che vive con la figlia. E’ una misteriosa donna araba che ha trasformato la vecchia cioccolateria in una scuola per ragazze musulmane arrivate in paese con le loro famiglie.

A Lansqunet l’integrazione della cultura araba e di quella francese non funziona. E’ il curè a farne le spese. Visioni diverse, tradizione e culture quasi opposte, scontri fra generazioni, fra sedentari e vagabondi, fra integralisti e “modernisti”.

Parlare di un’altra cultura non è semplice. La visione della Harris non mi sembra banalizzante e nemmeno generalista, ma non so fino a che punto un musulmano approverebbe l’immagine che lei dipinge.

Mi è piaciuto il lato magico, lasciato ai poteri del cioccolato, del vento e dei colori che ognuno di noi emana. Che sia una capacità comune quella di interpretare i colori? Quando non è aria per avvicinarsi a qualcuno, lo capiamo, solo che normalmente non dedichiamo così tanto tempo a chiederci cosa provano gli altri.

Sicuramente proverò la ricetta per la marmellata alle pesche!

Consiglio questo titolo per il venerdì del libro perchè invita a riflettere sull’importanza di capire le culture che ci vivono vicine e di come sia necessario parlarne ai bambini.

Annunci

7 pensieri su “Il giardino delle pesche e delle rose

  1. Monica

    Daniela… quanto ti ho pensata, non ti sono fischiati gli orecchi? A settembre mi prometti che ci incontriamo e andiamo a spasso insieme per musei milanesi? E poi vorrei porti qualche domandina nella tua veste di insegnante… a presto, monica

  2. Pingback: Recensioni libri per adulti e bambini | Homemademamma

  3. ilmondodici

    L’invito finale è molto importante, i temi e le atmosfere mi interessano, il tempo è sempre poco però, la fila delle attese lunga, ma… me lo segno 🙂 ciao!

  4. elena

    anch’io l’ho letto qualche mese fa…l’atmosfera è piacevole e il personaggio di vivienne è magico…ricorda a tutti noi quanto sia importante, nell’incontro con l’altro, “sospendere il giudizio” e approfondire la conoscenza…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...