Pezzettino e l’autostima dei bambini

PezzettinoI bambini si confrontano tra loro, crescendo si chiedono cosa li aspetti, che tipo di uomini e donne saranno da grandi, quale lavoro sceglieranno. Quando non si proiettano verso il futuro, cercano di riconoscere chi assomigli a loro, quali amici scegliere o perché i compagni hanno gusti diversi. Devo parte di quel gruppo? Sono un pezzettino in cerca del mio posto? Leo Lionni ha scritto “Pezzettino” (ed. Babalibri) che sembra proprio la risposta più creativa e comprensiva per i bambini si pongono queste domande. Non è mai presto per parlare di autostima.

Pezzettino è un piccolo quadrato arancione che si vede tanto piccolo da credere di essere parte di qualcos’altro. Il problema è trovare la parte a cui appartiene. Inizia così il suo viaggio, in un mondo di fantasia a cui Lionni ci ha abituati. Vede esseri più grandi di lui e a ognuno chiede se per caso lui ne è parte. Così come fanno i ragazzini quando girano per gruppetti di amici e compagnie, in cerca del posto giusto, sperando sempre che qualcuno li accetti. La ricerca si rivela difficile, senza risultato almeno non quello che credeva di dover trovare. Alla fine Pezzettino capisce una grande verità: “Io sono me stesso”.

Un breve racconto pieno di poesia, che aiuta a riflettere sull’immagine che i bambini hanno di se stessi, sulla necessità di essere accettati dagli altri, ma anche sul timore di non sapere ancora quale sia la propria strada futura. Filosofico come piace a me, è uno splendido libro da leggere insieme ai propri figli.

Annunci

7 pensieri su “Pezzettino e l’autostima dei bambini

  1. murasakinonikki

    Noi adoriamo leo lionni, ma questo non lo conoscevo.
    Di sicuro ci farò un pensierino, grazie per il consiglio!!

  2. Graziana (La stanzetta inglese)

    Anche noi abbiamo letto di recente Pezzettino e ci è piaciuto molto a parte il finale che ad una bimba di 4 anni non fa un buon effetto, in quanto lei è contenta di sentirsi il pezzettino di qualcuno, e in particolare della sua mamma :). Credo quindi che dovrà crescere un po’ prima di apprezzare al meglio questa storia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...