I vantaggi di iniziare un corso da piccoli

corsi

Perchè si sente spesso dire che alcuni corsi vanno iniziati da piccoli? Come mamma non ho mai imposto una attività extrascolastica, anzi ho sempre guardato con sospetto le agende dei compagni di scuola con pomeriggi pieni di impegni. Adesso che mi trovo ad avere due figli in età diverse capisco meglio perchè alcuni corsi vanno proposti fin da piccoli.

Il maggiore dei miei figli ha sempre chiesto di fare sport. Ne ha provati alcuni per arrivare a scegliere prima atletica leggera e adesso mini basket. Il piccolo, che ha quasi 5 anni, ha passioni diverse dal fratello. Anche lui è sempre in movimento, ma chiunque lo frequenti può dire che lui ama la musica. Suona qualunque cosa gli capiti tra le mani, indipendentemente dal fatto che sia uno strumento o meno. Ha degli strumenti giocattolo e alcuni pomeriggi si trasforma in one-man-band suonando contemporaneamente pianola, tamburello, fisarmonica e chitarra. Inventa canzoni su qualunque tema. L’estate scorsa è entrato in casa nostra un flauto e gli abbiamo visto brillare gli occhi. Finchè un pomeriggio mi ha detto: “Mamma, voglio imparare a suonare la chitarra. So già suonarla, ma voglio fare canzoni più lunghe”.  Era molto serio. Mi aspettavo quella richiesta da tempo, conoscendolo so che è amore vero per la musica, un amore che io onestamente non ho: è tutto suo, è quello che lo distingue dagli altri membri della famiglia.

Ci siamo messi alla ricerca di un corso adatto alla sua età. Lo frequenta da fine ottobre e sono stupita dai suoi racconti delle lezioni. Il maestro di musica usa un metodo di gioco che, come ci ha spiegato, preve un progredire durante l’anno. Al termine delle prime lezioni mio figlio mi ha spiegato che aveva imparato a suonare con le mani la musica scritta alla lavagna. “La chiave di violino apre la porta della musica”, oppure “Mamma, lo sai che anche il silenzio è musica?” Pendiamo tutti dalla sue labbra quando ci racconta che cosa avviene in quell’ora di lezione.

Vedendo tutto questo entusiasmo ho provato a chiedere anche al grande se vuole frequentare un corso. Lui ha nove anni ed è troppo grande per il corso di gioco-musica che organizza quella scuola. Dovrebbe iniziare con uno strumento. Non ha una passione per le note come il fratello e si lascia bloccare dai suoi timori: “Chi conosco al corso? Se poi non mi piace? Se poi mi danno dei compiti come a scuola?” Le esperienze degli ultimi anni gli hanno creato delle barriere, che cadrebbero se volesse veramente suonare uno strumento.

La mia conclusione è che il consiglio di iniziare i corsi da piccoli permette di avvicinarsi alla musica o a uno sport con il gioco, senza timidezza o pregiudizi. I bambini piccoli sono più aperti alle nuove esperienze e ad entrare in ambienti che non conoscono per crescerci dentro.

Non sappiamo ancora se la scuola di musica sarà adeguata alle sue richieste anche crescendo. Ci sono vari metodi di insegnamento e per ogni strumento ci sono considerazioni da fare. In questo percorso di mio figlio io sono solo una sostenitrice della sua passione. Non so suonare strumenti, tranne vaghi ricordi del flauto dolce alle medie.

Per aiutare i genitori a consigliare i propri figli, è uscito da poco questo libro:

corsi_di_musica_per_bambini

Tipbook. Corsi di musica per bambini e ragazzi. E’ una guida orientativa per genitori, realizzata da Edizioni Curci. Fornisce consigli sulla crescita musicale dei bambini: quale corso di musica è più adatto alle diverse fasce d’età, quali sono i metodi di insegnamento, come scegliere lo strumento più adatto, i prezzi e le metodologie da conoscere. L’ho trovata molto utile per capire l’impegno richiesto da un corso di strumento e le caratteristiche da tenere in considerazione per la scelta. Nel nostro caso più che di scelta si tratterà di consiglio, perchè la passione viaggia diretta come un treno.

Annunci

7 pensieri su “I vantaggi di iniziare un corso da piccoli

  1. quandofuoripiove

    Dani, però un dubbio mi resta… dici che il grande ha una passione per lo sport e infatti si è lanciato in diversi esperimenti sportivi, mentre non ha la stessa passione del piccolino per la musica… non sarà anche questo uno dei motivi che lo frenano? Ovvero tirare fuori un ostacolo dopo l’altro perché dopotutto non gli interessa poi un granché? Ovviamente voi in famiglia saprete sicuramente rispondere, era un dubbio da lettrice. Ciò detto ho in casa un piccoletto che promette di avere la stesa passione per le note del tuo, quindi ho letto tutto con tanto tanto interesse e proverò a informarmi cosa offra sta cittadina di riso e zanzare…
    Ciau!

  2. Daniela Autore articolo

    Certamente, infattI l’ho scritto: se avesse avuto una passione vera si sarebbe lanciato. Le sue risposte però mi fanno pensare che lui non ci voglia provare per motivazioni legate all’età. Non dice: “Non mi piace” ma si chiede se incontrerebbe altri amici, se potrebbero dargli dei compiti a casa, domande che il piccolo per l’età che ha non si è posto. E’ iniziata l’età della timidezza e la riflette anche nelle sue scelte. Se a nove anni fosse ancora possibile avvicinarsi alla musica con il gioco sarebbe diverso. Il fratello minore è entrato (almeno per ora) in un ambiente in cui può crescere e scegliere, il 9enne dovrebbe entrarci con un impegno diverso e sapere anche solo già quale strumento suonare. Lo sport in fondo ha avuto lo stesso percorso: a 4 e 5 anni provavano tutto senza porsi domande, a 9 si iscrivono dove vanno i compagni di classe (il basket mi piace ma lo faccio nella palestra dei miei compagni). Da piccoli mi sembra che si lancino di più e questo li aiuta a entrare in ambienti in cui restare anche da grandicelli. Lanciarsi in quarta elementare mi sembra meno spontaneo. Come ho scritto all’inizio questa è la mia esperienza.

  3. Stefania Mamma Orsa Curiosona

    sono d’accordo sul fatto che cominciare da piccoli sia “più facili”. non c’è la pressione della scuola e dei genitori sulla necessità di avere dei risultati misurabili e verificabili (lo so per esperienza!!!). sul discorso musica, mi interesserebbe sapere che metodo usa il maestro di tuo figlio. Recentemente il conservatorio di musica di vicenza ci aveva invitato ad un incontro per conoscere il metodo suzuki, lo conosci? veramente interessante…

  4. Daniela Autore articolo

    Ho sentito parlare del metodo Suzuki. Il suo maestro alla presentazione del corso ha detto di aver scelto musiche e attività di diverso tipo. I bambini ballano, disegnano molto, cantano, provano strumenti semplici e stanno iniziando a capire che la musica si scrive. Onestamente devo dire che il gruppo di genitori mi sembra tutto molto sereno, nessuno aspetta risultati. Per un puro caso sono in maggioranza insegnanti.

  5. riciclattoli

    Pensa che io avevo visti corsi di musica e volevo iscriverci il mio perchè pensavo che sarebbe stato un modo carino per avvicinarlo anche al tedesco 8son corsi in cui fanno canzoni, soprattutto) e invece son solo dai 5 anni. Il nuoto da 4-4 e mezzo, mi hanno detto. Mi pare che qui inizino tutto un po’ più tardi…sarà culturale anche questo..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...