APPen, disegnare come piace ai bambini

appen_recensione1

I miei bambini guardano la pubblicità sui canali per ragazzi come se fosse il telegiornale. Poi vengono da me e mi danno le notizie delle nuove uscite di giocattoli e articoli per la loro età. APPen  di Giochi Preziosi li aveva incuriositi. “Ti permette di disegnare, imparare e giocare” . Due attività su tre sembravano divertenti, la terza, imparare, l’avrebbero usata per convincermi a prenderla. A loro piace molto disegnare e usano spesso il tablet per farlo. Da mamma scettica potrei chiedermi perchè rendere il disegno digitale così simile alla realtà, quando sembra più semplice prendere carta e matite, ma ai bambini piace disegnare sul tablet e dopo tante prove io non sono più scettica. A me piace la tecnologia e sono convinta che l’uso consapevole e ragionato degli strumenti digitali per bambini sia molto positivo.

Mi piace dare il modo ai miei figli di sperimentare un po’ di tutto: giocano con la pittura, così come con le costruzioni, la creta, un legnetto trovato per caso o il tablet. Forse dipingere, costruire, modellare o inventare sembrano attività più libere dell’utilizzo di un tablet, ma in fondo non è vero. Io credo che la differenza sia tutta in quali strumenti proponiamo ai bambini e come glieli proponiamo. Disegnare sul tablet è bello perchè è facile e si gioca con l’immagine! Si cambiano i colori, il tratto, tutto sembra un cartone animato. Si cancella molto più facilmente che sulla carta. Se alla fine un disegno ci piace, lo possiamo salvare e riutilizzarlo con il computer per farne la copertina di un quaderno, o rimpicciolirlo per diventare un biglietto d’auguri, o ancora ingrandilo da poterlo stampare in formato poster.

Tutte le app che abbiamo sul tablet richiedono l’utilizzo della punta delle dita. Vedendo la pubblicità di APPen i bambini hanno notato subito la novità: potevano disegnare con una penna! Non è una penna comune, ma una penna adatta ai bambini così sensibile alla pressione da modificare il tratto. Finalmente si potevano fare disegni con uno spessore, con i dettagli ma soprattutto con linee più morbide.  Dal sito www.appen.it si può scaricare gratuitamente la app studiata per APPen. E’ disponibile per Android e Ios, per sicurezza potete controllare la compatibilità del modello del vostro smartphone o tablet sul sito.

app_recensione2
Io l’ho provata prima dei bambini. La sezione disegno è molto varia: si può creare liberamente, modificare una fotografia, inserire sticker che si muovono come un cartone animato. Oltre alla fruibilità della app quello che si nota subito è che calcando APPen sul display il tratto del colore si allarga, un po’ come se stessimo utilizzando un pennello, mentre se la teniamo leggera è come una matita ben appuntita.
La sezione apprendimento è quella che mi piace di più. Lo posso dire perché ultimamente sto proponendo molte app di prescrittura e precalcolo al mio secondo figlio che l’anno prossimo andrà alla primaria. Nella app la scrittura  dell’alfabeto è guidata, indicando l’inizio ma anche il percorso: impossibile sbagliare a tracciare una lettera. Devo dire che imparare a scrivere con una penna in mano ha sicuramente i suoi vantaggi invece di usare solo la punta delle dita.

app_recensione3
Nella sezione giochi si può utilizzare APPen anche come joystick e divertirsi da soli o in coppia sfidandosi su un circuito di automobili (i miei due amanti dei motori non potevano desiderare di meglio!).
I miei bambini hanno 9 e quasi 5 anni. Stanno utilizzando APPen entrambi perché l’app prevede due livelli di attività: per bambini fino a 5 anni e dopo i 5. Disegnano, salvano i loro disegni, usano fotografie prese dalla memoria del cellulare e aggiungono dettagli di fantasia (compresi baffi e bende da pirata!). Mi piace vedere il piccolo che di fronte alla scelta iniziale delle fasce d’età guarda con sfida il tasto di destra: allenati, allenati che prima o poi potrai passare alle cose da grandi.

appen_recensione4
Prima di provarla mi chiedevo se APPen fosse il segnale che il touchscreen stava vivendo i suoi ultimi splendori. Era forse finita l’era di interagire sullo schermo con le dita? Accade spesso per la tecnologia che si riproponga un articolo in versione grande se prima era piccolo e mi chiedevo se il touchscreen delle app stesse cedendo il posto alla penna. “Mamma, è la penna che è diventata digitale!” hanno commentato i miei figli, come se un oggetto comune fosse stato promosso e accolto nel regno della tecnologia. I bambini hanno anche bisogno di questo: di interagire con oggetti fisici insieme al digitale. Loro che hanno scoperto il mondo toccando ogni cosa (mettendola anche in bocca ognitanto) amano che ci sia ancora una relazione materiale nel gioco. Aggiungere una penna a una app per bambini è un passo avanti: si sta scoprendo sempre meglio come portare la tecnologia a misura di bambino.
I miei figli avevano ragione: l’uscita di APPen è proprio una bella notizia.

210x210-1

Questo post è offerto da APPen, la prima penna col tratto sensibile alla pressione, pensata per colorare e disegnare, imparare e giocare direttamente su tablet e smartphone.

2 pensieri su “APPen, disegnare come piace ai bambini

  1. PAOLA

    Ciao mi piace molto leggere i tuoi articoli e il tuo sito in generale, anch’io sono una mamma di due bambine una di sei e una di tre anni, e cerco di essere attenta a tutte le attività “casalinghe” che giornalmente offro loro, ma mi preme dirti che quando si parla di disegno, colore e creare sulla carta io sposo pienamente l’idea che Arno Stern ha dell’espressione dei bambini, e al meraviglioso gioco che è il dipingere. Uso i tablet anch’io trovandoli divertenti, ma sono giochi che non permettono la libera espressiossione del bambino quindi non litrovo utili per il disegno che alla loro età deve avere ben altri scopi. Ciao Paola

  2. Daniela Autore articolo

    Ciao, Paola. Come hai spesso modo di vedere sul mio blog a me piace dare modo ai bambini di sperimentare un po’ di tutto e niente in forma esclusiva, quindi nel caso del disegno: pennelli, gessetti, matite ma anche tablet. E’ comunque una curiosità che loro hanno, il risultato li diverte senza fare passare la voglia di usare altre tecniche. Ciao

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...