Buon viaggio piccolino

libronanna2

Un giorno una pedagogista dell’asilo di mio figlio mi ha detto: “Perchè ci stupiamo che i bambini abbiano i loro rituali per la buonanotte? Infondo non li abbiamo anche noi grandi?” Cosa ci serve per prepararci a un buon sonno? Un bagno caldo, la tisana preferita, un libro sul comodino, leggere qualche pagina di un bel libro, meglio se abbandonati tra i cuscini e con un pigiama morbido e liscio. L’industria del sonno ha i suoi numeri non ha caso.  Sono coccole o vizi?

Questo pensiero mi è tornato in mente leggendo il libro per bambini “Buon viaggio, piccolino!” di Beatrice Alemagna (Topipittori).

Un bambino si prepara per un viaggio preparando la sua valigia con l’aiuto di mamma e papà. L’orsacchiotto preferito, un vestito comodo, baci e saluti ma alla fine scopriremo che non sta partendo: sta andando a dormire!

Un racconto finalmente positivo sul tema della nanna, spledidamente illustrato che mette a proprio agio anche il bambino che forse sotto sotto avrebbe qualcosa da ridire sull’andare a letto presto e da soli.

Alla fine non siamo molto diversi dai nostri bambini. Loro vogliono la lettura della buonanotte? Anche io e sono esigente sul libro quanto loro. Loro vogliono il goccino di acqua? Io non rinuncerei a bere qualcosa di caldo. Quante ne ho provate e lette sui consigli per miglorare il sonno? Finchè non inventano la bacchetta magica che mi permette di recuperare le forze in 5 minuti di sonno continuerò a seguire l’argomento: olii essenziali in camera? cuscino in memory? tisana o camomilla? miele prima di addormentarsi?

Qual è il vostro segreto per migliorare il sonno?

Annunci

5 pensieri su “Buon viaggio piccolino

  1. Gabriella Falcicchio

    Ci piace leggere, da sempre. E dormire insieme, spesso abbracciate. Non abbiamo mai avuto altri rituali. Spegniamo la luce quando non siamo ancora addormentate e ci abbandoniamo al sonno in pochi minuti. Nessuna lucetta, tranne quella che viene dalle finestre non del tutto chiuse, nessun peluche (ma due gattoni caldi e vivi!). A parte i primi 3 mesi senza sonno e i primi due anni circa con risvegli dovuti alla sete (senza particolare fatica mia), abbiamo sempre dormito come due ghiri. Non credo potrei avere sonno migliore.

  2. Daniela Autore articolo

    Vero, Gabriella. Dormire insieme è bello! Abbiamo fatto un viaggio di cui i miei bambini hanno un bel ricordo perchè i letti erano quasi attaccati e sembrava un gigantesco letto per quattro.

  3. Pingback: Libri illustrati per bambini: le novità | La scuola in soffitta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...