Perchè il Touchscreen non soffre il solletico?

touchscreen

Fare informazione scientifica verso i bambini vuol dire rispondere alle loro domande e crearne di nuove. Sono piccoli stimoli verso un approccio all’apprendimento fatto di curiosità. Nel mondo in cui stanno crescendo i bambini parlare di scienza non si può più limitare alle domande curiose o agli esperimenti scientifici, ma deve necessariamente trattare i temi della tecnologia. Touchscreen, nuovi materiali, laser, computer che pensano, energie pulite sono alcuni degli argomenti trattati nel libro “Perché il touchscreen non soffre il solletico?” di Federico Taddia e Valerio Rossi Albertini, Editoriale Scienza. E’ il mio consiglio di lettura per questo venerdì.

La collana “Teste Toste” in cui è inserito questo nuovo libro non ci è nuova. L’abbiamo già conosciuta leggendo “Perché diamo i numeri?” e anche in questo volume conferma lo spirito scientifico fatto di curiosità e divertimento. E’ scritto in modo molto divertente, stile che non annoia i bambini riuscendo a coinvolgerli anche su tematiche complesse. Questo è uno dei motivi per cui la collana ha vinto il Premio Andersen 2013 come “miglior collana di divulgazione”.

Il titolo è la prima dimostrazione di come si presentano argomenti scientifici e tecnologici ai bambini. La scelta dei temi è fatta pensando a quali domande possono porsi i bambini, a cosa li circonda di cui forse non conoscono i funzionamento (Che cos’è il digitale terrestre?) e c’è spazio anche per i quesiti più sfiziosi, come “Si può viaggiare nel tempo?”, oppure “Può esistere davvero il mantello dell’invisibilità?” per gli appassionati di Harry Potter.

Leggi anche: Perchè diamo i numeri?

Consigli per l’utilizzo del libro:
– tenerlo a disposizione in attesa delle domande dei bambini (sono temi comuni su cui tutti si interrogano prima o poi): vi sfido a spiegare voi gli stessi argomenti in modo tanto chiaro e divertente per dei bambini;
– proporre le domande ogni tanto, senza mostrare il libro, per risvegliare la voglia di studiare e la curiosità di scoprire come funziona il mondo che ci circonda;
– suggerire di cercare nel libro domande curiose da porre al papà o ai compagni (qualcuna sembra un indovinello con la trappola ben nascosta);
– come lettura nei momenti di pausa: ogni sezione è breve e piacevolmente illustrata;
– come approfondimento da legare ai temi studiati a scuola.

 

Trovate un assaggio del libro qui.
Perché il touchscreen non soffre il solletico?
Federico Taddia intervista Valerio Rossi Albertini
Editoriale Scienza

 

5 pensieri su “Perchè il Touchscreen non soffre il solletico?

  1. kemate

    LA collana “teste toste” è una delle mie preferite dell’editoriale scienza, il libro di cui parli però non è ancora entrato a casa nostra, ma al prossimo giro i biblioteca sarà nostro!

  2. Pingback: Venerdi' del libro: i figli dell'ultimo banco |

  3. stefania

    Forte… credo che sia un ottimo aiuto per i grandi che spesso vengono messi in difficoltà dalle tante domande dei piccoli… e un ottimo ausilio per loro che possono trovare risposte giuste alle loro precise curiosità.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...