Archivi tag: collaborazioni

10 Libri per bambini su aerei e volo

libri per bambini

Quanti di voi partiranno per le vacanze con i bambini utilizzando l’aereo? Viaggiare con i bambini è sempre bello, perché guardare il mondo con i loro occhi è una vera meraviglia. Un viaggio però vuol sempre dire attese, soste, ore fermi seduti, con tutti i disagi del caso: come intrattenere i bambini durante il viaggio in aereo? Le idee in questi casi non bastano mai e se un gioco ha funzionato nell’ultima vacanza, potrebbe essere già diventato noioso e aver perso il suo effetto diversivo. In una giuda che raccoglie consigli per volare con i bambini  ho trovato uno spunto interessante: cercare libri per bambini che aiutino i piccoli viaggiatori a non aver paura di volare in aereo e che li intrattengano durante il viaggio. E’ una ricerca fatta apposta per me! Ecco quali libri per bambini ho trovato sul tema degli aerei e del volo. Continua a leggere

Acconciature fai da te per bambine e per bambini

acconciatura_bambinaCi sono alcune sere in cui mi rendo conto che avere a che fare con dei bambini è come non sapere mai chi hai di fonte. Un momento ti stendono con le loro domande disarmanti e il momento dopo sei lì a trattare su quanta superficie di pelle puoi lavargli nel bagnetto. Una sera ti concede solo un piede, l’altro va ancora bene. Una sera gli puoi lavare il collo, ma non ti concede le orecchie. Se hai avuto accesso alle orecchie, mai e poi mai potrai pensare di avere i capelli la stessa sera. Come si fanno a lavare i capelli ai bambini senza trattative? Devi conquistare un appezzamento di testa come i conquistadores nel nuovo mondo: tu butti l’acqua dove arriva arriva e quel riquadro di testa è tuo: potrai lavarlo in quanto già bagnato. Attenzione, però che gli occhi non si bagnano! Ci deve essere un asciugamano arrotolato che li protegge, perché l’acqua insaponata si sa che è pericolosa. Guarda cosa fa ai microbi! Se questo è il lavaggio dei capelli, cosa mi invento per controllare che non ci siano pidocchi? Si imbroglia ovviamente! “Vieni qui che ti pettino io!” Con la scusa di una acconciatura speciale controllo la radice dei capelli, la nuca e dietro le orecchie, che sono i punti più indicati. Non avendo molta praticità da parrucchiera mi sono inventata un catalogo con pettinature di fantasia per far sembrare più interessante anche l’acconciatura più semplice. Chiamiamoli trucchi da mamma! Continua a leggere

I libri per crescere che servono ai bambini

libri per crescereCi sono storie che sembrano non lasciarci mai e come mamma spero sempre che alcune seguano i miei figli anche quando saranno grandi. In tante occasioni un libro è stato più bravo di me per aiutarli a superare paure o piccoli problemi. Dopo aver letto il libro di Mario Lodi intitolato “Il mistero del cane” (Giunti) ho iniziato a pensare che un libro può aiutare i bambini non solo a migliorare ma anche a conservare quello spirito incredibile che li contraddistingue.

“Il mistero del cane” è la storia di Febo, un cane che alcuni bambini trovano ferito in un fosso la mattina di Natale. Vedendolo moribondo, i bambini decidono di portarlo a casa per salvarlo. Il veterinario non lascia molte speranze, ma loro non demordono. Lo curano, lo aiutano a rimettersi in piedi e lo accettano così com’è pur ascoltando chi attorno a loro li mette continuamente in guardia che il cane farà molta fatica a riprendersi e resterà zoppo. Chi adotterebbe un cane zoppo sapendo che non guarirà mai? Continua a leggere

5 consigli per visitare Roma con i bambini

Roma con i bambiniCosa fare a Roma con i bambini? Bella domanda considerando che gli itinerari e i musei adatti ai bambini sarebbero tantissimi. Siamo stati invitati a un matrimonio e volevamo trasformare la nostra breve sosta a Roma in un week-end divertente anche per i più piccoli. Il tempo era poco e ci servivano consigli. Il vero problema era come coinvolgere i bambini in un tour delle bellezze della città. Non hanno ancora studiato l’epoca dei Romani, hanno una vaga idea presa dai libri e dai cartoni animati. Loro sapevano benissimo cosa volevano visitare. Alla fine abbiamo scelto la “tecnica dello stupore“! Continua a leggere

6 luoghi splendidi in cui fare colazione

colazione

Nei giorni scorsi sono stata invitata alla presentazione di una nuova linea di biscotti. Beh, che dire? mi sentivo autorevole. Espertissima di biscotti. Praticamente un sogno: fare l’assaggiatore di dolci è parimerito nella lista come voler diventare collaudatore di materassi (infatti quando abbiamo dovuto cambiare materasso ho impiegato parecchi mesi, almeno finchè non sono stata scoperta: volevo dormire e basta). Continua a leggere

Liberi di sporcarsi? servono esercizi per la mamma

GIOCARE CON I COLORIOgni volta che proponiamo ai bambini di giocare con i colori, gli diamo la possibilità di fare esperienze creative, ma li lasciamo davvero liberi di sperimentare?  Sicuramente non manderei i miei figli al parco vestiti a festa chiedendo di non sporcarsi, ma per lasciarli davvero liberi è sufficiente scegliere un abbigliamento sportivo? E’ una domanda che mi pongo tutte le volte che vogliono giocare con le tempere. Se penso alle ragioni per lasciare che usino i colori in piena libertà mi vengono in mente molti buoni motivi: è rasserenante, è creativo, dà soddisfazione, permette di viaggiare con la fantasia, trasforma un pensiero astratto in una immagine. Poi però basta un pomeriggio in cui giocano con i gessi colorati sul balcone e prima di vedere questo disegno Continua a leggere

Avviso di pidocchi a scuola? ecco cosa fare

riconoscere_pidocchi

Quest’anno ho l’impressione di aver letto molti più avvisi del solito che segnalavano casi di pediculosi a scuola.  Sembra quasi che i pidocchi siano rinchiusi da anni tra le mura scolastiche come le barzellette di Pierino: prima o poi tornano alla ribalta. “Sono arrivati i pidocchi a scuola” dice il cartello in bacheca e le mamme si mettono le mani nei capelli urlando come le fan impazzite di  una band musicale. “Sono arrivati i pidocchi!” Ahhhhh! “Sono arrivati i One Direction!” Ahhhh! Uguale! Un po’ di fobia viene a tutti pensando a questi piccoli insetti che girando indisturbati per le nostre teste. Negli ultimi mesi ho calcolato statisticamente che solo una mamma su dieci non inizia a grattarsi sentendoli nominare e verificando si scopre che era distratta e non aveva sentito. Cosa si può fare per prevenirli? ma soprattutto Continua a leggere

Realizzare la borsa di Pippi Calzelunghe per i bambini

borsa91

In uno dei primi capitoli del libro di Pippi Calzelunghe si parla dei “Cercacose”. Fare il Cercacose è una delle attività che piace alla ragazzina e che affascina da subito i suoi nuovi amici. Consiste nell’andarsene a spasso, senza regole né meta come è tipico di Pippi, per cercare oggetti interessanti. Dove? Per terra, in un cespuglio, vicino alle case, tra gli oggetti abbandonati. I Cercacose, spiega Pippi, raccolgono pigne, conchiglie, bottoni, spille, coperchi di vecchie scatole e qualunque altro oggetto possa sembrare interessante, un po’ come tutti i bambini. Ispirandoci alla storia di Pippi Calzelunghe ho cucito una borsa da Cercacose riutilizzando un vecchio paio di jeans del papà e dei vecchi calzini. Continua a leggere

Costruire la casetta di “Hansel & Gretel” con i bambini

casetta01

C’è qualcosa di magico nel leggere le fiabe: ognuno immagina ambienti e personaggi in modo diverso. Si creano mondi di fantasia che rimangono tra i ricordi dei bambini e non svaniscono nemmeno al confronto con le illustrazioni dei libri. La casetta della strega in “Hansel & Gretel” ispira i sogni dei bambini con tutti quei dolci colorati che vengono descritti. Dare una forma al pensiero astratto è un esercizio di creatività e gioco che possiamo proporre ai bambini. Proponiamo dei materiale semplice e diamo il via alla fantasia con una semplice indicazione: Come immaginate voi la vostra casetta di dolci? Continua a leggere

Cuccioli – Il paese del vento

Il 27 marzo 2014 uscirà nei cinema la nuova avventura dei “Cuccioli – Il paese del vento”, per la regia di Sergio Manfio, Gruppo Alcuni. Siamo stati all’anteprima di Milano: bambini entusiasti e idee originali che vorremmo riportare nei nostri giorni.
I produttori di “Cuccioli”, la serie di cartoni animati che abbiamo conosciuto in televisione, tornano al cinema dopo quattro anni con una nuova proposta. Dopo il film “Il codice di Marco Polo” arriva “Il paese dei venti”.

Continua a leggere