Archivi tag: libri per insegnare

Come si educa il gusto letterario

libri per bambiniSe fino a ieri mi sono occupata di stimolare la lettura, da oggi ho iniziato a ragionare anche sulla costruzione di un gusto letterario. Leggiamo tanti libri ai nostri figli da quando erano piccolissimi: libri per la buonanotte, libri per divertirsi, libri per imparare, libri per giocare. Di solito scelgono loro stessi cosa vogliono leggere andando a curiosare negli scaffali della biblioteca comunale. Ognuno ha la sua tessera e prende in prestito ciò che vuole. Ormai abbiamo una borsa per le gite in biblioteca che andrebbe bene per fare il trasloco. Si legge ciò che veramente piace e se non conquista lo si abbandona. Daniel Pennac sarebbe orgoglioso di noi. Nonostante questo mi sono chiesta se io come mamma dovrei avere un giudizio meno impulsivo. Mi sono chiesta come si educa il gusto letterario per selezionare i libri per ragazzi e tracciare dei percorsi letterari che siano meno lasciati al caso. Un buon libro è quello che piace ai bambini ma anche ai genitori. Continua a leggere

Fiaba – training fonologico e metafonologico

FiabatrainingNel percorso di preparazione alla scuola primaria del mio secondo figlio, mi sono chiesta se il suo livello di attenzione ai suoni fosse tale da permettere di distinguerli correttamente quando inizierà a scrivere. Come molti bambini della sua età commette qualche errore di pronuncia. Ad esempio invertiva dei suoni o delle sillabe nelle parole nuove. Parlo al passato perchè come spesso accade appena la mamma si pone il problema questo scompare. In questo passaggio della crescita mi è stato utile il libro che vi consiglio oggi “Fiaba – training fonologico e metafonologico” di Elena Iiritano (Erickson). Continua a leggere

Il piacere di leggere e come non ucciderlo

il_piacere_di_leggereCosa accade ogni volta che terminiamo un libro che ci è piaciuto? Cerchiamo qualcuno con cui parlarne, qualcuno a cui consigliarlo. A volte continuiamo a ripensare ai suoi personaggi, come se fosse difficile lasciarli oppure ci chiediamo perché l’autore abbia fatto certe scelte narrative da rendere alcuni tratti più o meno chiari. Insomma, quando un libro ci è piaciuto vogliamo parlarne e quando non ci è piaciuto del tutto facciamo i critici letterari. Perché non insegnare questo anche ai bambini? Aiutarli a diventare lettori riflessivi. L’editoria per l’infanzia sembra non soffrire crisi per tutti i libri che produce ogni anno:  migliaia di proposte, illustrazioni, stili e storie diverse. Se non consideriamo i bambini dei contenitori in cui buttare dentro le cose è giusto porsi lo scopo di insegnargli ad essere critici. Leggendo Aidan Chamber in “Il piacere di leggere e come non ucciderlo” (Ed. Sonda) ho capito che è la via migliore per stimolare la lettura, per aiutarli a crescere amanti dei libri e sicuri delle proprie opinioni. E’ il mio consiglio di lettura per questo venerdì del libro. Continua a leggere

Apprendere: istruzioni per l’uso

apprendereAlla fine resta solo il necessario. E’ il titolo del libro di Fabio Rondot (edito da Sonda) che ho da poco finito di leggere. Cosa influenza l’apprendimento? Perché non impariamo tutti allo stesso modo? Perché una persona riesce meglio in una materia piuttosto che in un’altra? Come si misura l’apprendimento? “Apprendere: istruzioni per l’uso” è un libro che spiega le fasi che attraversiamo per imparare, cosa ci facilita il compito e quali errori ci ostacolano. Continua a leggere

Musica, maestra!

MusicaMestraCover.aiProviamo a chiederci come vivono la musica i ragazzi e di conseguenza come dovrebbe essere strutturato un programma per educare l’ascolto, costruire una cultura musicale e insegnare ad apprezzare la musica in tutte le sue forme. “È triste constatarlo, ma l’Italia, patria del «bel canto», sta strapazzando da tempo la musica e la sua promozione tra i giovani” così commenta la pagina dell’editore Sonda e sembra proprio difficile affermare il contrario. Non aspettatevi un libro di teoria! “Musica, maestra!” è il manuale perfetto per trasformare l’obiettivo in pratica: percorsi, titoli, link, film, segnalazioni originali. Quest’estate useremo questo libro! Forse ho qualche speranza anche io, non solo i miei bambini. Continua a leggere

Aule verdi all’aperto

aule_verdiA chi non piacerebbe una scuola all’aperto? Imparare a contatto con la natura e le stagioni, provare il piacere di sporcarsi le mani e quell’idea di libertà che solo gli spazi aperti sanno dare. Se questo vi sembra un lusso lontano dalla vostra realtà, vi spiego come prenderne spunto e riadattarlo alle vostre esigenze. Potrebbe essere un’idea per sfruttare l’estate. Continua a leggere

Gli adulti sono bambini andati a male

adulti_sono_bambini_andati_a_male

Per genitori, educatori e insegnanti che vogliono imparare a non insegnare.
Come si fa a non fare andare a male i bambini? Inizia con questa domanda l’ultimo saggio di Maurizio Parodi sul mondo della scuola. Gli esempi abbondano, come in un manuale di buone pratiche alla rovescia. Ho scelto questo titolo per un esperimento di lettura sui social network, condividendo alcune delle domande che incontravo nel testo. L’autore ha proprio centrato nel segno: molti genitori hanno già sperimentato di persona ciò che toglie stimoli alla naturale curiosità infantile. Continua a leggere

Intelligenza numerica nei bambini

numericaCos’è l’intelligenza numerica? Come si costruisce o sviluppa? E’ innata o si impara? Quali testi possono essere di riferimento per capirne di più?

Il tema matematica è il mio consiglio di lettura per questo venerdì

Continua a leggere

Alunni speciali

alunni speciali“Sai, mamma, oggi la maestra di M. gli ha spiegato i poligoni con un gioco: li ho guardati dal mio posto e ho capito come funziona!” mentre alcune mamme della classe si lamentano che il programma è rallentato dalla presenza di alcuni bambini in classe, mio figlio ha già capito che la presenza di quei bambini porta un valore aggiunto. Ogni ha il suo modo di apprendere, ha il suo modo di rielaborare, in una classe dove ognuno è ben inserito la caratteristica personale è un contributo a benficio di tutti. Questo è il tema di “Alunni speciali“, scritto da Aminta Patrizia Infantino, edizioni la meridiana. Continua a leggere

Una ricerca a prova d’aula, una revisione transculturale

programma italianoNell’era della condivisione cresce l’esigenza di insegnare anche ai giovani a rendersi partecipi dei pensieri che animano la storia della letteratura. I grandi autori hanno lasciato un segno che a volte le antologie non riescono a rendere vivo e interessante. Gnisci e Cipollari hanno proposto un percorso didattico per affrontare i grandi temi letterari con lo spirito di partecipazione di chi si pone delle domande. Ne emerge un metodo accattivante che può essere sperimentato sul percorso proposto e usato come modello per altri argomenti. “Una ricerca a prova d’aula. Per una revisione transculturale del curricolo di italiano e di letteratura” edizioni la meridiana. Continua a leggere