Archivi tag: viaggi

Perchè i borghi piacciono tanto?

P1260775Gli articoli di viaggi che leggo più volentieri sono quelli che descrivono piccoli borghi fuori dalle solite rotte turistiche. Cosa rende i borghi così affascinanti? Io mi immagino paesi immersi in paesaggi verdi, ricchi di angoli da fotografare, luoghi in cui riscoprire le tradizioni e i sapori del luogo. Ieri siamo andati alla ricerca di questi dettagli in uno dei borghi promossi “Bandiere arancioni” dal Touring Club d’Italia. Vi racconto in immagini perchè Ala (TN) merita di essere inserita tra i borghi più belli d’Italia. Continua a leggere

I giardini di Trauttmansdorff

TrauttmansdorffSe dico “orto botanico” cosa vi viene in mente? Forse dei sentieri tra collezioni di piante, camminare cercando di leggere i cartellini che vi spiegano perché quell’albero è stato inserito nella collezione. Forse immaginerete qualche serra, calda e umida, con raccolte di piantine minuscole e una guida che vi parla di dettagli botanici che sembrano difficili da memorizzare. Forse i giardini di Trauttmansdorff non dovremmo definirli solo un “orto botanico” o forse non ne avete mai visto uno così affascinante. Continua a leggere

Gita sul fiume Adda in battello

battello ImbersagoAvrete voglia di una tranquilla crociera sul fiume Adda? Farsi cullare dall’acqua, vedere il paesaggio da una prospettiva nuova e ammirare il bosco che tra poco cambierà colore. La destinazione che vi propongo è a Imbersago dove parte il battello Addarella e il traghetto di Leonardo da Vinci. Continua a leggere

10 Libri per bambini da portare in vacanza

libri per bambini

Nella mia famiglia c’era la tradizione di fare un regalo ai bambini poco prima che partissero per le vacanze. La nonna ci dava la mancia per il gelato, la zia si presentava con un album da colorare. Quest’anno ho preparato una piccola sorpresa per i miei bambini: un diario di viaggio con acquerelli e un libro. Ve ne parlerò al ritorno. Vi lascio con una lista di libri per bambini da portare in vacanza, sperando che troviate il tempo di stare insieme a leggere una bella storia. Ecco l’elenco.

Cosa cercano i bambini in un viaggio

sabbia

Siamo in partenza e si presenta la solita domanda: i bambini apprezzeranno ciò che abbiamo organizzato per le vacanze? Cosa cercano i bambini in un viaggio?

Mi è capitato qualche anno fa di aver organizzato una vacanza in un agriturismo con animali (cavalli, mucche, anatre, asinelli) vicino al mare in cui avevamo una bella casa e tanto spazio per giocare. C’era anche la piscina! Per me doveva essere la vacanza perfetta per una famiglia con bambini e invece loro al ritorno erano entusiasti di aver giocato a ping-pong. Dimenticate le visite turistiche, dimenticati i cavalli o la spiaggia (un agriturismo lontano dal mare sarebbe costato molto meno e io non amo il mare), ma il ping-pong era la cosa più bella che avessero fatto. Ancora oggi ricordano quella vacanza per il ping-pong e onestamente non abbiamo fatto dei campionati mondiali, ma nemmeno delle notturne.

Qualche mese fa ho scritto un elenco semiserio di cose che i bambini cercano in un viaggio, era pensato per una vacanza invernale ma credo che molti punti valgano anche per l’estateo. Lo trovate qui.

Geografia in miniatura: visita a Mondotreno

plastico_trenino1Ai nostri bambini regaliamo una gita per il compleanno. Il piccolo è un po’ sfortunato perchè compie gli anni in inverno e qualche volta abbiamo dovuto rimandare.  L’anno scorso ha avuo la sua gita il giorno dell’onomastico e conoscendo il suo amore per i treni lo abbiamo portato a visitare Mondotreno. E’ un enorme plastico che riproduce le bellezze del Trentino Alto Adige. Se quest’estate siete in zona, portate i vostri bambini a vederlo. Continua a leggere

Giochiamo al geologo

geologo

Con grande piacere e infiniti ringraziamenti oggi ospito il guest post di Mammagari che ha avuto la fortuna di crescere con un geologo in famiglia e ha raccolto molti suggerimenti per noi.

Il Geologo è colui che analizza la crosta terrestre e ne studia i fenomeni. Attraverso l’osservazione e il rilevamento è in grado di raccogliere dati che possono essere utilizzati per la stesura di carte tematiche che indicano le caratteristiche del suolo. In quanto esperto del terreno, partecipa alla realizzazione di progetti edili per valutare i possibili fattori di rischio in relazione alle opere che si vogliono costruire. Continua a leggere

Verona con i bambini

veronaDesideravo da tempo visitare Verona, anche senza avere una meta precisa o un motivo di fondo. Dopo il viaggio a Roma i bambini mi fanno notare ogni volta che trovano un’immagine del Colosseo. Sembra proprio che quel monumento così imponente li abbia affascinati. L’idea di poter  ritrovare una struttura simile nell’Arena di Verona li ha affascinati da subito. Siamo partiti con questo scopo: cercare tracce di Roma a Verona, che di per sè sarebbe da rimproverare perchè ogni città è bella per se stessa non per cosa ricorda, ma finchè non si arriva a Verona non si conosce la vera anima della città. Continua a leggere

5 consigli per visitare Roma con i bambini

Roma con i bambiniCosa fare a Roma con i bambini? Bella domanda considerando che gli itinerari e i musei adatti ai bambini sarebbero tantissimi. Siamo stati invitati a un matrimonio e volevamo trasformare la nostra breve sosta a Roma in un week-end divertente anche per i più piccoli. Il tempo era poco e ci servivano consigli. Il vero problema era come coinvolgere i bambini in un tour delle bellezze della città. Non hanno ancora studiato l’epoca dei Romani, hanno una vaga idea presa dai libri e dai cartoni animati. Loro sapevano benissimo cosa volevano visitare. Alla fine abbiamo scelto la “tecnica dello stupore“! Continua a leggere

Museo della Stampa di Lodi

museostampa1

Ogni museo ha una sua storia, ma a volte c’è un racconto che riguarda anche come lo abbiamo scoperto. Un paio d’anni fa si teneva a Milano un salone del libro in cui era esposto un vecchio macchinario per la stampa. Il maggiore dei miei figli ne era incantato. Gli hanno fatto vedere come si componeva il suo nome aggiungendo lettera dopo lettera sullo stampo. Gli hanno regalato un segnalibro, stampato a mano, che è rimasto con lui per molte letture. Era rimasto così affascinato dalla stampa che aveva visto che ci ha chiesto di andare a visitare il Museo che aveva curato l’allestimento. Potevamo dire di no? Continua a leggere