Archivi tag: collaborazioni

Hai giocato con tuo figlio oggi?

giocare_insieme

Quando ci lamentiamo che i bambini non ci ascoltano, sono poco collaborativi o hanno un atteggiamento ostinato, possiamo insegnargli ad avere un comportamento diverso con il gioco. Giocare insieme ai propri figli è il modo migliore e più facile per educarli. Sarà capitato a molti genitori di vedere come l’ambiente giocoso di una scuola materna riesca a dare l’illusione di una bacchetta magica: i bambini imparano le regole sociali, seguono un percorso di crescita, sono più collaborativi che a casa. Come si crea un ambiente giocoso a casa? Come si traduce in pratica il consiglio di giocare più spesso con i propri figli? Quali giochi si possono fare a casa con i bambini? Continua a leggere

Annunci

20 idee +1 per migliorare la scuola dei nostri figli

scuola

Cosa muove un genitore a cercare idee per migliorare la scuola dei propri figli? Forse è un atteggiamento costruttivo o  il desiderio di dare ai bambini altre possibilità per raggiungere una preparazione di qualità. Cosa manca oggi alla scuola? A volte le cose più semplici, come il cartoncino o i materiali per un laboratorio. Cosa possiamo fare per migliorare la scuola? Servirebbero tante idee come questa, di cui vi parlerò. A me piace la gente che si muove, che prova a cambiare le cose, che costruisce invece di criticare. Continua a leggere

Arriva Star Wars Rebels: come costruire il robot Chopper

robot fai da te

Ritorna la saga leggendaria di Star Wars con una sorpresa per i bambini: è in arrivo in TV una serie di film d’animazione tutta per loro. Noi abbiamo avuto la fortuna di partecipare all’anteprima mondiale: ne siamo usciti così entusiasti che abbiamo dovuto inventare qualcosa per occupare il tempo da qui all’inizio della serie: costuire il robot Chopper di Star Wars Rebels. Continua a leggere

Insegnare inglese ai bambini con i cartoni animati

inglese bambini

Ogni anno in questo periodo penso a cosa fare per avvicinare i bambini all’inglese in modo divertente. I miei bambini sono uno in quinta e in prima. Studiano inglese alla primaria, ma come ogni materia di scuola deve essere ripassata a casa e si deve fare molto esercizio se la si vuole imparare bene. Quest’anno ho uno stimolo in più: preparare il grande per le scuole medie e assecondare la curiosità del piccolo. Continua a leggere

Parliamo di videogiochi e Skylanders

skylanders

Videogiochi: concederli o negarli? Arriva il momento in cui il confronto con i compagni di classe pone il problema di assecondare o meno la richiesta di comprare i videogiochi. Da genitori poco esperti che non avevano i videogiochi nei loro progetti educativi, ci siamo lasciati convincere dai nostri amici che non fossero molto peggio di quello che avevamo avuto noi da piccoli. E’ sempre una questione di misura e di equilibro. Abbiamo comprato la Wii. C’è stata una euforia iniziale, ma poi i videogiochi hanno conquistato la loro fettina di spazio dividendosi la scena con i giochi di sempre, le costruzioni, i libri e il parco. Ormai la usano da quasi due anni e la situazione non è cambiato. Continua a leggere

Diventare protagonista di una storia Disney

disney2

E’ qualcosa di divertente fare l’impossibile” diceva Walt Disney e non posso che dargli ragione. Quando vedi la sorpresa sul viso di un bambino e la sua gioia per un desiderio realizzato non puoi fare altro che pensare che attesa e desiderio siano ingredienti importanti per un regalo indovinato. Pensavo a questo quando al ritorno dalle vacanze i miei figli hanno iniziato a parlare della lista di regali di Natale. La letterina a Babbo Natale è sempre un bel momento: conservo tutte quelle che hanno scritto, però so che ogni volta è difficile indovinare il regalo giusto. Non è mai abbastanza presto per iniziare a pensare ai regali di Natale, l’importante è conoscere bene le novità e tra cosa si può scegliere. Siamo stati invitati nella sede Disney di Milano per la presentazione del catalogo #NataleDisney14 e mentre giravamo estasiati tra i giochi e gli accessori Disney ho fatto delle considerazioni. Continua a leggere

Insegnare a non aver paura del dentista

dentista per bambiniI bambini devono fare un controllo dal dentista periodico, anche prima di sostituire i denti da latte con i denti definitivi. Molto spesso a quell’età hanno paura del dentista e non si sa come aiutarli. Scoprire che il proprio bambino ha una carie è sicuramente il campanello d’allarme che qualche cosa nel modo in cui si pulisce i denti da solo non funziona come dovrebbe. Sul sito www.familydent.it, una catena di studi dentistici che sta per arrivare anche vicino a casa nostra, ho trovato un consiglio su come insegnare ai bambini a lavarsi correttamente i denti da soli, un metodo semplice a cui però non avevo pensato: trasformalo in un gioco e lavarsi i denti insieme. Siccome il mio bambino più piccolo ha paura di andare dal dentista, ho pensato di usare la stessa tecnica per aiutarlo a superare questo scoglio. Ecco cosa ci siamo inventati. Continua a leggere

L’importanza del gioco a terra

gioco spontaneo

I primi movimenti spontanei dei bambini sono sul pavimento, gattonando ed esplorando gli oggetti che li circondano. Siamo noi a metterli a terra per lasciarli liberi di muoversi senza pericolo di cadere. Il pavimento rimane il luogo preferito per i giochi anche quando i bambini crescono, osservandoli si capisce che non si tratta solo di abitudine ma di vera libertà di azione. Il pavimento è un luogo non strutturato in cui ogni gioco può prendere forma, che permette ai bambini di conoscere il proprio corpo e di dare ampio spazio alla fantasia. Tutto questo ha delle controindicazioni? Continua a leggere

Invito a cena con Skylanders

skylanders

Cosa si può organizzare per una cena in cui saranno invitati ragazzini di età diverse? E’ un problema che si pone da quando alcuni dei figli dei nostri amici hanno superato i 10 anni. Abbiamo anche bambini piccoli e la situazione diventa complicata. Come spesso accade, abbiamo chiesto consiglio ai nostri amici con figli più grandi dei nostri e lì è arrivata l’idea: i videogiochi sono la soluzione perfetta per una serata senza problemi di età. Ma quali hanno superato la prova? Continua a leggere su Filastrocche.it

 

Fiori di carta che sbocciano in acqua

creazioni con la carta

Nell’ultimo libro di Tiziano Terzani ho letto che esistono fiori di carta che sbocciano in acqua. In un passaggio in cui parla del figlio Fosco scrive di lui che sta diventando uomo e sboccia come un fiore di carta in acqua. Mi sembrava una curiosità di cui non avevo mai sentito parlare e ho iniziato a cercare in internet. I fiori di carta che sbocciano in acqua sono un lavoretto con la carta che utilizza l’origami per quello che i bambini definirebbero “qualcosa di magico”. In questo periodo ho approfittato di tutte le offerte per carta e cartoncino colorato online per fare una bella scorta. In attesa delle attività creative a cui ci dedicheremo durante il periodo scolastico ho preparato questo lavoretto con la carta semplice e originale. Continua a leggere